Come funziona la stampa su tessuto

Contenuti

La stampa su tessuto, o stampaggio tessuti, è una tecnica di decorazione che consente di applicare disegni e colori creando risultati unici e consente la produzione di tessuti personalizzati. Oggi questo processo è quotidianamente utilizzato nell’industria della moda e del design per creare stoffe stampate per capi di abbigliamento e accessori ma da secoli cerchiamo modi per imprimere colori, disegni e motivi sui tessuti, trasformando semplici pezzi di stoffa in piccole o grandi opere d’arte indossabili. Ma come funziona la stampa su tessuto? Come siamo passati dalle tradizionali tecniche manuali alle moderne tecnologie digitali? In questo articolo, vi porteremo in un breve viaggio attraverso il tempo e lo spazio, esplorando la magia e la tecnica dietro la stampa su tessuto.

Come funziona la stampa su tessuto: la storia in breve

La stampa su tessuto è una pratica antica. Di “tessuti variopinti mediante spalmatura di colori” si parlava infatti già nell’antichità e nelle antiche civiltà di Egitto, India e Cina, si utilizzavano tecniche rudimentali per decorare i tessuti, spesso con finalità cerimoniali o simboliche.

In India, ad esempio, la tecnica del “block printing” o stampa con matrici di legno è stata perfezionata secoli fa e continua ad essere una forma d’arte tutt’oggi apprezzata. Questa tecnica consiste nell’incidere un disegno su un blocco di legno, che viene poi intinto nell’inchiostro e premuto sul tessuto, lasciando un’impronta. Il legno veniva utilizzato quindi a mo’ di timbro. Basti pensare all’odierna “stampa romagnola”. Nel XVIII° sec. furono introdotti i cilindri di legno e successivamente di rame.

Con l’avvento della Rivoluzione Industriale nel XIX secolo, la stampa su tessuto ha conosciuto anch’essa una grande rivoluzione. Le macchine hanno iniziato a prendere il posto del lavoro manuale, permettendo una produzione su larga scala e una maggiore precisione nei dettagli. È in questo periodo che nasce la stampa serigrafica, una tecnica che utilizza degli schermi per filtrare l’inchiostro e creare disegni complessi. La stampa a quadro (screen printing) nasce ai primi del ‘900: viene detta stampa serigrafica perché i quadri (o meglio i “buratti”) di stampa venivano realizzati con tessuto di seta: su di esso veniva impresso il disegno, il quadro veniva premuto sul tessuto e il colore passava attraverso i fori nella seta, imprimendosi sul tessuto di base, creando disegni complessi.

Negli anni ’20 nacque la “mano macchina” e la stampa diventò un processo industriale.

Negli anni ’60 nasce la stampa a Cilindro o rotativa.

Nel XX secolo, con l’avvento della tecnologia digitale, la stampa su tessuto ha fatto un ulteriore salto di qualità. La stampa digitale tessile, infatti, permette di riprodurre immagini ad alta risoluzione direttamente sul tessuto, con una vasta gamma di colori e sfumature, senza i limiti tecnici ed economici della stampa tradizionale.

Oggi, la stampa su tessuto combina tradizione e innovazione, offrendo infinite possibilità creative, sia per i grandi produttori che per gli artigiani.

Tecniche tradizionali di stampa su tessuto

Le tecniche tradizionali di stampa su tessuto rappresentano le radici del nostro affascinante mondo. Sebbene le tecnologie moderne abbiano rivoluzionato il settore, le metodologie antiche conservano un fascino intramontabile e continuano ad essere apprezzate per la loro autenticità e il tocco artigianale che conferiscono ai tessuti. Ecco alcune delle tecniche tradizionali più diffuse:

Stampa a mano

La stampa a mano, nota anche come “Handblock printing“, è la tecnica più antica e risale a migliaia di anni fa. Questa metodologia prevede l’utilizzo di blocchi di legno intagliati a mano, che vengono immersi nell’inchiostro e poi premuti sul tessuto. Ogni impressione è unica e richiede precisione e abilità. I disegni sono spesso complessi e dettagliati, e il risultato finale è un tessuto ricco di personalità e storia.

Stampa serigrafica o a quadro Screen printing

La stampa serigrafica, o a quadro o “Screen printing”, è una tecnica che utilizza tradizionalmente degli schermi di seta o altri materiali per filtrare l’inchiostro e creare disegni sul tessuto. Ogni colore richiede uno schermo separato, rendendo il processo laborioso ma estremamente preciso. Sebbene sia una tecnica tradizionale, la serigrafia è ancora ampiamente utilizzata oggi per la sua capacità di produrre stampe vivide e durature, lo vedremo più avanti.

Stampa con matrici di legno (Woodblock printing)

Simile alla stampa a mano, la “Woodblock printing” utilizza blocchi di legno intagliati per creare disegni sul tessuto. La differenza principale risiede nella complessità e nella dimensione dei blocchi, che possono essere molto più grandi e dettagliati. Questa tecnica è particolarmente popolare in Asia e ha dato vita ad alcune delle stampe più iconiche della storia del tessile.

Tecniche attuali di stampa su tessuto

Nel corso degli anni, la stampa su tessuto ha subito una profonda evoluzione, spinta dall’avvento di nuove tecnologie e dalla crescente domanda di tessuti da personalizzare. Le tecniche moderne di stampa su tessuto combinano l’arte tradizionale con l’innovazione tecnologica, offrendo soluzioni rapide, efficienti e di alta qualità. Queste metodologie, spesso guidate da software avanzati e macchinari di precisione, permettono di ottenere stampe dettagliate, con una vasta gamma di colori e su una varietà di tessuti mai vista prima. Dalle stampe digitali su tessuto alla stampa devoré, le tecniche moderne hanno rivoluzionato la stampa tessile, rendendo possibile trasformare qualsiasi visione creativa in realtà tangibile.

Stampa a quadro o serigrafica

La stampa serigrafica, o “Screen printing” o, è una tecnica di stampa su tessuto in cui l’inchiostro viene applicato attraverso l’ausilio di una maglia di seta tesa su telaio. È l’ideale per la produzione di stampe su tessuti di grandi pesi e che richiedono un lavoro di qualità.
Si tratta di una tecnica, che consente la realizzazione di tessuti stampati molto resistenti e durevoli, per questo motivo viene spesso impiegata nella realizzazione di tessuti destinati all’abbigliamento sportivo.

Stampa digitale

La stampa digitale è l’ultima nata in cui lo stampatore digitale e ad alta definizione si occupa di applicare l’inchiostro sul tessuto appositamente preparato.
Si tratta di una tecnica particolarmente versatile perché permette di stampare sul tessuto qualsiasi disegno o immagine.

Stampa a pigmento

La stampa a pigmento è una tecnica di stampa su tessuto che ricorre all’utilizzo di pigmenti in polvere al posto degli inchiostri più tipici. Questa tecnica garantisce una maggior durata e resistenza della stampa sul tessuto. Anche la stampa digitale può essere fatta con inchiostri a pigmento.

Stampa a devoré

La stampa a devoré è un processo di stampa su tessuto molto particolare. Tramite alcuni agenti chimici specifici, una parte della fibra del tessuto stesso viene corrosa per lasciare spazio a un’altra parte specifica, lasciando così a vista il disegno.
Il presupposto della stampa a devoré è che il tessuto sia costituito da una parte naturale e una sintetica, in modo che la prima venga corrosa dagli agenti chimici.

Tessuti e inchiostri

La compatibilità tra la stoffa dei supporti tessili e gli inchiostri di è fondamentale per ottenere stampe su tessuto di alta qualità. La varietà di tessuti e inchiostri disponibili oggi offre infinite possibilità, ma è essenziale conoscere le caratteristiche e le applicazioni di ciascuno per ottenere i migliori risultati.

Tipi di tessuti adatti alla stampa

Ogni tessuto ha le sue peculiarità, che influenzano non solo l’aspetto e la sensazione al tatto del prodotto finito, ma anche la qualità e la durata della stampa. Che si tratti di abiti di alta moda, indumenti casual o accessori, la comprensione dei diversi tessuti e delle loro proprietà è fondamentale per ottenere risultati ottimali. Seride è un’azienda specializzata nella produzione di tessuti stampati.

Conosciamo i tessuti. La loro composizione e le loro caratteristiche e stampiamo su diverse tipologie di tessuti, ciascuno con proprietà e caratteristiche specifiche, eccone alcuni:

  • Chiffon: Un tessuto leggero e trasparente, ideale per motivi delicati e sfumature, particolarmente sottile e morbido al tatto, conferisce un aspetto romantico agli abiti.
  • Crêpe: Caratterizzato da una superficie leggermente rugosa, mossa, è perfetto per stampe con un effetto sfumato o vintage.
  • Drill: Tessuto robusto, spesso e resistente, adatto per capi più pesanti.
  • Georgette: Tessuto leggero e trasparente tipicamente stampato con fantasie floreali o a pois. Un “must” nell’abbigliamento femminile
  • Jersey: fa parte della categoria dei tessuti a maglia, Elastico e morbido, aderisce al corpo rendendolo ideale per abiti comodi e fluidi.
  • Spugna: è un tessuto morbido e voluminoso, molto assorbente e quindi ideale per stampe per teli da mare o accappatoi.
  • Raso: è un tessuto liscio e lucido, serico e delicato oltre che elegante e sofisticato.

Inchiostri per la stampa

Gli inchiostri utilizzati nella stampa su tessuto devono garantire colori vividi e duraturi ed essere compatibili con il tessuto da stampare.

La scelta dell’inchiostro dipende dal tipo di tessuto, dalla tecnica di stampa utilizzata e dalle esigenze specifiche del progetto.

Preparazione del tessuto alla stampa e finissaggi

Prima di procedere con la stampa su un tessuto, è essenziale preparare adeguatamente il materiale per garantire che l’inchiostro aderisca correttamente e che il design risulti nitido e duraturo. Questa fase di preparazione è cruciale e può influenzare notevolmente la qualità finale del prodotto stampato. Ecco le fasi principali di questo processo:

Pulizia e pretrattamento

Prima di procedere il tessuto deve essere pulito per rimuovere qualsiasi impurità, residuo o sostanza oleosa che potrebbe interferire con la stampa. Questo passaggio assicura che l’inchiostro aderisca uniformemente al tessuto. Inoltre, a seconda del tipo di tessuto e della tecnica di stampa scelta, potrebbe essere necessario un pretrattamento, come l’applicazione di una soluzione chimica, per migliorare l’adesione dell’inchiostro e prevenire la sua migrazione.

Stesura e tensionamento del tessuto

Una volta pulito, il tessuto viene steso e tensionato su un telaio o una superficie piana. Questo garantisce che il tessuto rimanga liscio e privo di pieghe o rughe durante la stampa, permettendo una distribuzione uniforme dell’inchiostro. Un tessuto correttamente tensionato aiuta anche a prevenire distorsioni nel design e garantisce una stampa precisa.

Preparazione del disegno

La fase successiva riguarda la scelta del disegno da stampare. Una volta selezionato, il disegno viene preparato per la stampa. Questa fase include l‘adattamento delle dimensioni, la messa a rapporto, la separazione dei colori e la creazione di quadri o cilindri, a seconda della tecnica di stampa utilizzata. È essenziale che la definizione del disegno sia con colori ben separati, per garantire una stampa di alta qualità.

Finissaggio post-stampa

Dopo la stampa, i tessuti possono subire vari trattamenti per migliorare la resistenza, la durata e l’aspetto del disegno stampato. Questi possono includere trattamenti termici, lavaggi e finiture speciali. In Seride offriamo servizi di finissaggio tessuti per garantire la massima qualità e durata delle stampe oltre che l’emozione che si vuole trasmettere.

 

seride-logo-bianco-scritta
seride-logo-bianco-scritta

Fiere

Parigi: Paris Preco
11-12-13 giugno 2024

Milano: Milano Unica
9-10-11 luglio 2024

New York: A Fabric Affair
17-18 luglio 2024 

Monaco: Munich Fabric Strart
3-4 settembre 2024

Cannes: Maredimoda
5-6-7 novembre 2024